Certificazione energetica: in arrivo i controlli

Ing. Giulio Madaro
Società Ingegneria I-MAD, Coordinatore Sacert Puglia

Dopo anni di attesa, nel luglio scorso sono entrati in vigore i requisiti professionali e i criteri di accreditamento degli esperti e degli organismi che si occupano di certificazione energetica degli edifici, contenuti nel DPR 16/4/2013 n. 75.

Il decreto trova applicazione per le regioni che non hanno già adottato propri provvedimenti in materia, mentre le altre (Emilia Romagna, Liguria, Lombardia, Piemonte, Valle d’Aosta e province autonome di Bolzano e Trento) sono tenute ad adottare misure atte a favorire un graduale riavvicinamento al quadro normativo nazionale.

L’elemento di concreta novità è sicuramente l’elencazione puntuale (art. 2, comma 3) dei titoli di studio necessari per l’abilitazione, senza l’obbligo di seguire un corso di formazione. Il comma 4, invece, indica i titoli di studio necessari per l’abilitazione, ma con l’obbligo di frequenza a un corso specialistico e superamento dell’esame finale.

Come già previsto dal DLgs 115/2008 (allegato III), il tecnico abilitato deve essere iscritto al relativo ordine o collegio professionale, abilitato all’esercizio della professione relativa alla progettazione di edifici e impianti e operare nell’ambito delle proprie competenze. Negli altri casi, il tecnico deve operare in collaborazione con un altro tecnico, in modo tale da coprire tutti gli ambiti professionali richiesti.

Si è in attesa di risposte da parte di regioni e province autonome in merito alle modalità per il riconoscimento dei corsi di formazione pregressi rispettosi dei contenuti minimi previsti dal decreto. Per i tecnici che non hanno le competenze previste, parrebbe logico pensare che siano momentaneamente esclusi in attesa dell’istituzione di corsi autorizzati dal Ministero o dalle regioni. Altra novità è la dichiarazione di indipendenza che si arricchisce dell’elemento della parentela: il tecnico abilitato non potrà essere né il coniuge né un parente fino al quarto grado.

Con questo provvedimento, regioni e provincie autonome sono investite di un ruolo importante. Dovranno infatti: adottare un proprio sistema di riconoscimento e istituire attività di formazione e aggiornamento dei tecnici abilitati; promuovere iniziative di informazione e orientamento dei soggetti certificatori e degli utenti finali; monitorare l’impatto del sistema di certificazione in termini burocratici, oneri e benefici per i cittadini; promuovere la conclusione di accordi volontari per assicurare prezzi equi per l’accesso ai servizi di certificazione energetica. Inoltre, saranno chiamate a predisporre un sistema di accertamento della correttezza e qualità dei servizi di certificazione.

In particolare, l’art. 5 specifica che i controlli svolti da regioni e province autonome saranno orientati prioritariamente alle classi energetiche più efficienti e comprenderanno: l’accertamento documentale degli attestati, la valutazione di congruità e coerenza dei dati di progetto o di diagnosi e le ispezioni delle opere o dell’edificio.

L’auspicio è che, quanto prima, le regioni facciano seguito a quanto previsto dal decreto non solo per i punti più urgenti (regolamentazione dei corsi di formazione, il sistema di riconoscimento dei tecnici abilitati), ma soprattutto per la promozione, il monitoraggio e il controllo della qualità, al fine di dare più valore e credibilità a un attestato energetico che tuteli tanto il richiedente quanto il certificatore.

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

RCI – progettare rinnovabili riscaldamento climatizzazione idronica © 2017 Tutti i diritti riservati