In diminuzione il consumo di gas fluorurati

Lo studio “Gas fluorurati ad effetto serra 2020” dell’Agenzia europea dell’ambiente, conferma i buoni progressi compiuti fino al 2019 dall’Unione Europea nell’eliminazione graduale dell’utilizzo di idrofluorocarburi (HFC).

Il rapporto valuta e presenta i dati riportati dalle aziende nel 2020 sulle loro attività che coinvolgono i gas fluorurati nel 2019, valutando i progressi sulla riduzione graduale degli HFC effettuati sia ai sensi della legislazione dell’UE, sia dell’emendamento di Kigali al protocollo di Montreal. Il rapporto descrive anche la quantità di gas fluorurati forniti a varie applicazioni industriali.

Le segnalazioni delle aziende hanno riguardato la loro produzione annuale, importazioni, esportazioni e altre attività che coinvolgono HFC, nonché altri gas fluorurati, e includono tutti i gas fluorurati coperti dal protocollo di Kyoto: HFC, perfluorocarburi (PFC), esafluoruro di zolfo (SF6) e trifluoruro di azoto (NF3), così come altri come HFC insaturi e idroclorofluorocarburi (HCFC).

Il rapporto esprime le quantità di gas fluorurati in due diverse metriche: tonnellate fisiche, per riflettere i modelli di utilizzo dei gas fluorurati nelle industrie europee, e tonnellate di anidride carbonica equivalente (tCO2e), per tenere conto del loro potenziale di riscaldamento globale (GWP).

Nel 2019 – si legge nel report – l’immissione sul mercato di HFC a livello dell’UE è stata del 2% inferiore al limite di mercato complessivo del 2019 fissato dal sistema delle quote (1% nel 2017 e nel 2018). I pochi casi di superamento delle quote, sia da parte degli importatori di HFC sfusi che degli importatori di apparecchiature, sono stati compensati da società che non hanno utilizzato completamente la propria quota.

Poiché le industrie dell’UE si sono spostate verso alternative a basso GWP, la domanda di HFC è diminuita. Tra il 2017 e il 2019, l’immissione sul mercato di HFC sfusi è diminuita del 22%. Ciò ha comportato un aumento delle quote inutilizzate. La riserva di autorizzazioni di quota, costituita da una serie di importatori di apparecchiature nel 2015 e nel 2016 e pressoché stabile fino al 2018, è aumentata del 66% nel 2019. La dimensione attuale di questa riserva è cinque volte la quantità delle importazioni annuali effettive di apparecchiature o il 61% della quantità massima di HFC disponibile per il 2020. Questa riserva accumulata di autorizzazioni riduce il carico complessivo sulla quota emessa negli anni successivi, poiché le importazioni di apparecchiature di refrigerazione, condizionamento dell’aria e pompe di calore contenenti HFC non dovranno, almeno in teoria, essere coperte dalla quota emessa per quegli anni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here