Norma sulla qualità dell’aria

L’Uni informa che è stata pubblicata la norma UNI 11761:2019 “Emissioni e qualità dell’aria – Determinazione degli odori tramite IOMS (Instrumental Odour Monitoring Systems)”.

La norma specifica i requisiti tecnici e di gestione di sistemi automatici per la misurazione periodica degli odori in aria ambiente, alle emissioni e indoor.

Per quanto riguarda i siti di installazione, nella norma sono considerati tre tipi di monitoraggio degli odori:

– in aria ambiente (“al ricettore”);

– in emissione (“alla sorgente”);

– al confine di impianto (“a bordo impianto”).

Dal punto di vista delle grandezze prodotte, nella norma sono invece indicate le determinazioni:

– di presenza/assenza di odore (misurazione di tipo A);

– della classe odorigena (misurazione di tipo B), in cui la scala di misura sulla quale lo strumento restituisce il risultato è costituta da un numero discreto di livelli e al limite da due soli livelli: quantità di odore sotto una soglia e quantità di odore sopra una soglia (ad esempio, soglia di allarme);

– della quantità di odore, espressa in una scala di misura correlata con la concentrazione di odore determinata secondo la UNI EN 13725 (misurazione di tipo C).

Sono esclusi dal campo di applicazione della norma:

– l’impiego di strumenti per monitoraggi finalizzati alla salute e sicurezza negli ambienti di lavoro;

– l’impiego di strumenti per monitoraggi della concentrazione o presenza di singoli inquinanti atmosferici.

Nel documento l’odore è inteso come l’interpretazione sensoriale dei recettori umani e di una serie di stimoli prodotti da uno o più agenti chimici diffusi nell’aria ambiente.

Tale interpretazione – sottolinea l’Uni – va oltre la semplice misura dei composti chimici e, in quanto sensazione umana, non può essere direttamente misurata da nessun dispositivo analitico.

La relazione tra determinazione analitica di uno o più composti chimici e l’odore è possibile solo a valle di una complessa e delicata procedura di “addestramento” dello strumento, dopo la quale lo strumento stesso può fornire misure di odore e non solo di concentrazioni analitiche.

Affinché tale addestramento sia affidabile, le caratteristiche metrologiche degli IOMS devono rimanere sotto controllo, pena la decadenza dell’addestramento stesso.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here