Unità condensanti ad anidride carbonica Panasonic

Gli impianti per la refrigerazione commerciale mediante CO2 di grande capacità, sono da tempo diffusi in Nord Europa, nell’ambito di supermercati e ipermercati. Di recente si è però iniziato a utilizzare la tecnologia anche per piccole attività di vendita alimentare negli altri Paesi Europei.

In linea con questa tendenza le unità condensanti transcritiche a CO2 da 4 kW e 15 kW di Panasonic (Milano) si configurano come la soluzione ideale per la conservazione del cibo, a media o bassa temperatura, in vetrine e celle frigorifere.

Nel caso delle unità condensanti transcritiche di Panasonic, la fase di compressione bi-stadio del refrigerante CO2 è realizzata mediante un solo compressore. Il compressore rotativo bi-stadio di produzione Panasonic permette, rispetto all’utilizzo di due distinti compressori, una significativa riduzione delle dimensioni e del peso dell’unità condensante; in aggiunta si consideri che un solo compressore invece di due, un telaio di contenimento più piccolo e leggero, sono sinonimi di maggiore convenienza economica dell’unità stessa.

Le soluzioni costruttive adottate e gli alti livelli di qualità produttiva rendono, inoltre, estremamente improbabili malfunzionamenti del compressore. Come prova dell’elevata affidabilità, Panasonic offre una garanzia di 5 anni sul compressore e 2 anni sugli altri componenti.

Le unità con capacità da 4 kW sono soluzioni compatte (larghe 930mm e alte 900mm) e flessibili, che possono essere impostate per funzionare, a basse e medie temperature, secondo quattro impostazioni iniziali. Le impostazioni possono essere modificate, in modo semplice e intuitivo, ruotando un commutatore. È possibile collegare una sola vetrina refrigerata chiusa e sono ideali anche per celle frigorifere.

All’unità condensante transcritica con capacità pari a 1 5kW è possibile collegare sia una vetrina per la conservazione dei gelati, sia fino a tre vetrine refrigerate (aperte e chiuse) per la conservazione dei cibi. Si tratta dunque di una soluzione “split”, ovvero il compressore e lo scambiatore condensante non sono posizionati all’interno della struttura della vetrina, ma sono resi remoti rispetto a questa. In tal modo si ottiene il significativo vantaggio di non immettere, all’interno del locale in cui sono posizionate le vetrine, il calore di condensazione, con conseguente riduzione del carico termico che deve smaltire l’impianto di condizionamento.

La “remotizzazione” della sezione condensante permette inoltre di evitare il disturbo acustico all’interno degli ambienti occupati, dovuto alla elevata potenza sonora prodotta dal compressore e dal ventilatore della batteria condensante.

Le unità di condensazione con refrigerante CO2, Panasonic serie CR, possono essere controllate da sistemi di supervisione ModBus, come quelli forniti da Carel, Eliwell e Danfoss, che assicurano la registrazione, il controllo e la visualizzazione dei parametri di funzionamento dell’intero sistema di refrigerazione mediante CO2.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here