L’andamento delle emissioni inquinanti in Europa

Il briefing dell’Agenzia europea dell’ambiente “National Emission reduction Commitments (NEC) Directive reporting status 2021”, recentemente pubblicato, fornisce un aggiornamento annuale che valuta i progressi degli Stati membri dell’UE nella riduzione delle emissioni di inquinanti atmosferici. Il briefing rileva che, sebbene la maggior parte degli Stati membri abbia raggiunto i rispettivi limiti nel 2019, sono necessari ulteriori sforzi per raggiungere gli impegni di riduzione fissati per il periodo 2020-29 e per il 2030 e oltre.

Sulla base degli ultimi inventari nazionali degli inquinanti atmosferici, tutti gli Stati membri hanno rispettato i rispettivi limiti nazionali di emissione per gli ossidi di azoto (NOX ), i composti organici volatili non metanici (COVNM) e l’anidride solforosa (SO2 ), mentre quattro Stati membri – Croazia, Cechia , Irlanda e Spagna – hanno superato il limite per l’ammoniaca (NH3 ).

L’Agenzia prevede che le misure di blocco attuate in tutta Europa per ridurre la trasmissione di Covid-19 e la conseguente riduzione dell’attività economica nel 2020 abbiano avuto un impatto sulle emissioni di alcuni inquinanti. L’impatto delle misure sulle emissioni nel 2020 diventerà chiaro solo quando gli inventari nazionali degli inquinanti atmosferici per il 2020 saranno comunicati a metà del 2022.

In prospettiva, nove Stati membri hanno già ottenuto riduzioni delle emissioni fissate per il periodo 2020-2029 per tutti e cinque i principali inquinanti, compreso il particolato fine (PM 2,5 ). Tuttavia, per raggiungere gli impegni per il 2030, tutti gli Stati membri, tranne l’Estonia, devono ridurre le proprie emissioni di NOX, 22 Stati membri devono ridurre le emissioni di NH3 e 18 Stati membri devono ridurre le emissioni di COVNM.

In termini di emissioni di PM 2,5 – il principale inquinante che causa morte prematura e malattie dovute all’inquinamento atmosferico – le emissioni dell’UE sono diminuite del 29% dal 2005 al 2019. Tuttavia – sottolinea l’Agenzia – sono necessari sforzi significativi per raggiungere gli impegni di riduzione fissati per questo inquinante dal 2030 in poi . In particolare, tre Stati membri – Cechia, Ungheria e Romania – dovranno ridurre le proprie emissioni di oltre il 50% e 10 Stati membri di oltre il 30%.

I cambiamenti nel settore energetico – ricorda l’Aea – saranno cruciali per rispettare gli impegni di riduzione 2020-29 e 2030 per il PM 2,5, con particolare attenzione alla riduzione dell’uso di biomassa e carbone nel riscaldamento residenziale necessario in alcuni Stati membri. Anche l’ammoniaca (NH3 ) contribuisce alla formazione di PM 2,5 nell’atmosfera, con ulteriori azioni necessarie per ridurne le emissioni.

Insieme al briefing sulla direttiva NEC, l’Aea ha pubblicato il rapporto sull’inventario delle emissioni dell’Unione europea 1990-2019, che esamina le emissioni di inquinanti atmosferici riportate nell’ambito della Convenzione Unece sull’aria. Il rapporto mostra riduzioni considerevoli nelle emissioni 1990-2019 di cinque inquinanti chiave: monossido di carbonio (CO), NH3, NOX , COVNM e ossidi di zolfo (SOX ). Le emissioni di SOX sono diminuite del 92% dal 1990, grazie al passaggio da combustibili ad alto tenore di zolfo a quelli a basso contenuto di zolfo, all’uso di tecnologie di riduzione delle emissioni e all’aumento dell’efficienza energetica nell’industria, negli edifici commerciali e istituzionali e nelle abitazioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here