Strategie per la neutralità carbonica

È stata recentemente presentata l’anteprima del World Energy Transitions Outlook dell’Agenzia internazionale per le energie rinnovabili (Irena), che propone soluzioni di transizione energetica per lo stretto percorso disponibile per contenere l’aumento della temperatura a 1,5 ° C e arrestare il riscaldamento globale irreversibile.

Il 90% di tutte le soluzioni di decarbonizzazione nel 2050 – sostiene Irena – coinvolgerà l’energia rinnovabile attraverso la fornitura diretta di energia a basso costo, efficienza, elettrificazione alimentata da fonti rinnovabili nell’uso finale e idrogeno verde. Le tecnologie di cattura e rimozione del carbonio in combinazione con la bioenergia forniranno le riduzioni di CO2 dell’ultimo miglio verso un sistema energetico nullo.

Il “percorso dell’1,5 ° C” di Irena prevede un triplicarsi del potere globale dominato dalle energie rinnovabili nel 2050. Inoltre vede un calo dell’uso di combustibili fossili di oltre il 75% nello stesso periodo, con il consumo di petrolio e carbone che si contraggono più rapidamente. Il gas naturale dovrebbe raggiungere il picco intorno al 2025, diventando il più grande combustibile fossile rimanente entro il 2050.

I mercati finanziari – sottolinea Irena – riflettono questo cambiamento allocando il capitale lontano dai combustibili fossili e in asset sostenibili come le energie rinnovabili. Il declassamento dei combustibili fossili continua, con le quote del settore dell’energia ad alto contenuto di combustibili fossili nell’indice S&P che sono scese dal 13% di un decennio fa a meno del 3% di oggi. Al contrario, gli investitori stanno riversando denaro in azioni di energia rinnovabile con l’energia pulita S&P in aumento del 138% nel 2020.

Tuttavia, un investimento significativo dovrà essere reindirizzato, mostra Outlook di Irena. Le principali economie hanno annunciato pacchetti di stimolo economico che pomperanno circa 4,6 trilioni di dollari direttamente in settori rilevanti per il carbonio come energia, trasporti, agricoltura, industria e rifiuti, ma meno di 1,8 trilioni di dollari sono verdi.

Al contrario, gli investimenti nella transizione energetica dovranno aumentare del 30% rispetto agli investimenti pianificati per un totale di 131 trilioni di dollari da qui al 2050, corrispondenti a 4,4 trilioni di dollari in media ogni anno. I benefici socio economici – afferma Irena – saranno enormi, investire nella transizione creerà quasi tre volte più posti di lavoro rispetto ai combustibili fossili, per ogni milione di dollari di spesa. Per affrontare le preoccupazioni relative a una transizione giusta ed equa, le prospettive di Irena richiedono un quadro politico globale olistico e coerente.

Il “percorso dell’1,5 ° C” di Irena vede l’elettricità diventare il principale vettore energetico nel 2050 con una capacità di energia rinnovabile che si espande di oltre dieci volte nello stesso periodo. I trasporti vedranno la più alta crescita dell’elettrificazione con un aumento di 30 volte. Quasi il 70% delle riduzioni delle emissioni di carbonio nei trasporti proverrà dall’elettrificazione diretta e indiretta.

L’idrogeno verde – conclude Irena – emergerà come una delle principali richieste di elettricità, rappresentando il 30% del consumo totale nel 2050. La bioenergia combinata con le tecnologie di rimozione del carbonio sarà sempre più importante per l’industria per portare “emissioni negative” a fronte di un budget limitato di carbonio per 1,5 ° C.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here