L’attività degli “Utility Manager”

È stata recentemente pubblicata la norma UNI 11782, che definisce i requisiti relativi all’attività professionale del Manager delle Utenze anche definito “Utility Manager. Lo scopo del documento – dichiara l’Uni – è garantire al mercato professionalità e trasparenza, evitando sprechi e tutelando il lavoro dei professionisti che oggi operano nel rispetto della deontologia professionale e dei codici di condotta del consumo.

I requisiti sono specificati, a partire da compiti e attività specifiche identificati, in termini di conoscenza, abilità e competenza in conformità al Quadro europeo delle qualifiche (European Qualifications Framework – EQF). Inoltre, i medesimi elementi, sono espressi in maniera tale da agevolare e contribuire a rendere omogenei, per quanto possibile, i processi di valutazione e convalida dei risultati dell’apprendimento.

La certificazione delle persone in conformità alla UNI CEI EN ISO/IEC 17024 è un processo di valutazione e convalida e nella norma è riportato il livello dell’attività professionale proprio in conformità a quanto previsto dallo EQF.

Nel documento sono riportati i seguenti riferimenti normativi:

– UNI CEI 11339 Gestione dell’energia – Esperti in gestione dell’energia Requisiti generali per la qualificazione;

– UNI CEI EN ISO/IEC 17024 Valutazione della conformità – Requisiti generali per organismi che operano nella certificazione delle persone;

– CEN Guide 14 Common policy guidance for addressing standardisation on qualification of professions and personnel (2010).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here