UE: insufficiente la diffusione di energia solare

Il rapporto sullo stato del fotovoltaico del Centro Comune di il Ricerca dell’Unione Europea (CCR) evidenzia il divario tra gli obiettivi climatici globali ed europei e il tasso di diffusione dell’energia solare.

«Sebbene la nuova capacità installata sia aumentata in tutto il mondo del 7% e l’energia solare abbia attratto la maggior parte dei nuovi investimenti in energie rinnovabili per il nono anno consecutivo, è necessario un aumento molto più rapido del tasso di installazione per decarbonizzare il settore energetico entro il 2050», ha dichiarato l’autore del rapporto Arnulf Jäger-Waldau.

Con una capacità installata di 117 GW alla fine del 2018, l’UE ha perso terreno nel mercato mondiale.

La quota dell’UE della capacità installata globale era di circa il 23%. Si tratta di un forte calo rispetto al 66% registrato alla fine del 2012.

Con l’attuale capacità, l’UE può fornire poco meno del 5% della sua domanda di elettricità.

Fino al 2006, la produzione di celle solari – ricorda il rapporto –  era dominata dal Giappone e dall’Europa, ma nel 2014 è emersa una nuova tendenza che ha visto la Cina e Taiwan aumentare rapidamente le loro capacità produttive.

Da allora, altri paesi asiatici come India, Malesia, Tailandia, Filippine e Vietnam hanno seguito l’esempio.

Questa tendenza delle economie in via di sviluppo che investono di più nella capacità di energia rinnovabile rispetto ai paesi sviluppati è proseguita nel 2018 per il quarto anno consecutivo.

La Cina è ora il principale paese produttore per celle e moduli solari, seguita da Taiwan e Malesia.

Dei 122 miliardi di euro investiti nell’energia solare nel 2018 in tutto il mondo, il 54% (65 miliardi di euro) è stato investito in economie in via di sviluppo.

Al momento, la capacità di produzione di celle solari e moduli solari nell’UE è rispettivamente di solo 1 GW e 3 GW.

Dal punto di vista della sicurezza dell’approvvigionamento, l’aumento degli impianti fotovoltaici dovrebbe essere accompagnato da una produzione regionale realistica, sostiene il CCR.

La rapida riduzione dei costi nella produzione fotovoltaica meriterebbe un nuovo sguardo sul potenziale di riportare gli impianti fotovoltaici in Europa.

I costi di investimento richiesti dalla produzione fotovoltaica sono diminuiti di circa il 90% negli ultimi 10 anni.

La catena di produzione europea potrebbe essere competitiva con fabbriche con un volume di produzione annuale da 5 a 10 GW.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here