Occupazione in crescita nel settore delle rinnovabili

Secondo l’indagine “Renewable Energy and Jobs – Annual Review” di Irena, l’Agenzia Internazionale per le Energie Rinnovabili, nel 2018 11 milioni di persone erano impiegate nel mondo nel settore delle energie rinnovabili, mentre erano 10,3 milioni nel 2017.

La diversificazione della filiera delle energie rinnovabili – rileva l’indagine – sta cambiando l’impronta geografica del settore. Fino ad ora, le industrie di energia rinnovabile sono rimaste relativamente concentrate in una manciata di mercati importanti, come la Cina, gli Stati Uniti e l’Unione europea. Sempre più spesso, tuttavia, i Paesi dell’Est e del Sud-Est asiatico sono emersi insieme alla Cina come principali esportatori di pannelli solari fotovoltaici. Paesi come Malaysia, Tailandia e Vietnam erano responsabili di una maggiore quota di crescita dei posti di lavoro delle rinnovabili lo scorso anno, il che ha permesso all’Asia di mantenere una quota del 60% di posti di lavoro nelle energie rinnovabili in tutto il mondo.

Il solare fotovoltaico e l’eolico – sottolinea lo studio – risultano le industrie più dinamiche: responsabile di un terzo del flusso di lavoro totale di energia rinnovabile, il fotovoltaico mantiene il primo posto nel 2018, davanti a biocarburanti liquidi, energia idroelettrica ed energia eolica. Geograficamente, l’Asia ospita oltre tre milioni di posti di lavoro fotovoltaici, quasi nove decimi del totale mondiale. Nel 2018, l’occupazione fotovoltaica si è espansa in India, nel Sud-est asiatico e in Brasile, mentre Cina, Stati Uniti, Giappone e Unione europea hanno registrato una contrazione.

La maggior parte dell’attività del settore eolico – continua lo studio – avviene ancora a terra ed è responsabile della maggior parte dei 1,2 milioni di posti di lavoro del settore. La sola Cina rappresenta il 44% dell’occupazione eolica globale, seguita da Germania e Stati Uniti. L’eolico offshore potrebbe essere un’opzione particolarmente allettante per sfruttare la capacità interna e le sinergie con l’industria del petrolio e del gas.

La produzione in aumento ha indotto una crescita del 6% dei posti di lavoro nel campo dei biocarburanti che sono arrivati a 2,1 milioni. Brasile, Colombia e Sud-Est asiatico hanno catene di approvvigionamento ad alta intensità di manodopera in cui il lavoro informale è importante, mentre le operazioni negli Stati Uniti e nell’Unione europea sono molto più meccanizzate.

L’energia idroelettrica ha la più grande capacità installata di tutte le rinnovabili, ma ora si espande lentamente. Il settore impiega direttamente 2,1 milioni di persone, tre quarti delle quali in mansioni operative e di manutenzione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here