Per lo sviluppo degli impianti geotermici

Si è recentemente tenuto il seminario “Geotermia a bassa entalpia: novità amministrative e strumenti operativi in Italia e in Europa”, organizzato dall’Istituto di Management della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa, nell’ambito del progetto europeo Regeocities.

Si è recentemente tenuto il seminario “Geotermia a bassa entalpia: novità amministrative e strumenti operativi in Italia e in Europa”, organizzato dall’Istituto di Management della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, nell’ambito del progetto europeo Regeocities.

Si è recentemente tenuto il seminario “Geotermia a bassa entalpia: novità amministrative e strumenti operativi in Italia e in Europa”, organizzato dall’Istituto di Management della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, nell’ambito del progetto europeo Regeocities.

L’evento si è aperto con un’introduzione a Regeocities da parte di Francesco Rizzi della Scuola Superiore Sant’Anna, che ha illustrato anche le evidenze ed i risultati del progetto in via di conclusione. Durante la presentazione sono infatti stati presentati i processi decisionali alla base dei business model per le pompe di calore geotermiche, sottolineando l’importanza della caratterizzazione geologica a livello locale, essenziale a ridurre i rischi d’investimento in infrastrutture per l’utilizzo della bassa entalpia e di supporto alla corretta pianificazione territoriale e alla regolamentazione efficace della risorsa. Ampio spazio è poi stato dato a Geo4P (Geotermia Progetto Pilota Piana di Pisa): il progetto che ha l’obiettivo di proporre una metodologia multidisciplinare innovativa, basata sia su dati empirici, sia sugli output della modellistica geologica ed idrogeologica, per la valutazione delle potenzialità geotermiche localizzate nella pianura alluvionale di Pisa. I risultati del progetto permetteranno quindi di caratterizzare nel dettaglio la risorsa presente nell’area di studio, fornendo gli strumenti per un aggiornamento della regolamentazione relativa sia alle procedure autorizzative, che al monitoraggio di impianti che utilizzano risorse geotermiche superficiali.

Dopo un’introduzione sulle finalità e gli obiettivi di Geo4P, è stato illustrato l’attuale stato di avanzamento del progetto pilota, per il quale si stanno raccogliendo ed elaborando i dati sperimentali provenienti da numerosi database e dai rilievi e campionamenti effettuati sul campo.

Il seminario ha poi visto un intervento volto ad illustrare lo stato dell’arte della geotermia a bassa entalpia in Lombardia, sia per la gestione ed il monitoraggio della risorsa, che in tema di semplificazione delle procedure autorizzative e di informazione. Su queste tematiche la Lombardia è l’unica regione italiana ad aver istituito un apposito regolamento per la tutela ed i controlli di impianti che utilizzano risorse geotermiche superficiali, nonché un registro delle sonde consultabile via web al sito www.rinnovabililombardia.it

Sempre riguardo allo stato dell’arte delle installazioni geotermiche negli altri territori italiani, un intervento della Provincia di Ferrara ha illustrato le azioni di collaborazione interregionale per la promozione della geotermia a bassa entalpia, attraverso i progetti GeoPower  e Legend . Il primo, teso a promuovere le tecnologie legate alla geotermia a bassa entalpia in 11 regioni europee e migliorarne le applicazioni nel settore edile pubblico e residenziale e in quello industriale; il secondo, con l’obiettivo di promuovere la geotermia a bassa entalpia in area adriatica e di porre le basi per un suo sviluppo sostenibile. Il ferrarese è infatti una zona piuttosto attiva per quanto riguarda la geotermia a medio-bassa entalpia, grazie alla “dorsale ferrarese”, che nella zona di Casaglia raggiunge uno dei suoi punti più alti e che alimenta uno dei teleriscaldamenti geotermici più grandi d’Italia.

 

 

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

RCI – progettare rinnovabili riscaldamento climatizzazione idronica © 2017 Tutti i diritti riservati