Record all’Aquila, la casa consuma solo 7 kWh

casa all'AquilaA quasi cinque anni dal disastroso terremoto, mentre l’opera di ricostruzione de L’Aquila procede ancora troppo lentamente, una piccola realizzazione si distingue per l’elevato contenuto progettuale e tecnologico, capace di indicare la strada per la rinascita sostenibile della città. Energy Box è stata realizzata sul sedime di un edificio residenziale privato: sopra il basamento in calcestruzzo armato si eleva una struttura portante antisismica, interamente realizzata in legno e dalle evolute caratteristiche energetiche e bioclimatiche, secondo gli standard della casa passiva mediterranea.

Progettata dall’ing. Pierluigi Bonomo, l’abitazione presenta lo stato dell’arte dei sistemi a domestici fonti rinnovabile:

  • campo fotovoltaico a film sottile CIS integrato in facciata da 8 kWp;
  • pompa di calore geotermica supportata da collettori solari termici anche per la produzione di acqua calda sanitaria;
  • impianto di ventilazione meccanica controllata (rendimento 90%) con riscaldamento integrativo a radiatori elettrici;
  • sistemi di stoccaggio e riuso delle acque meteoriche

Il tutto a fronte di un ridottissimo fabbisogno per il riscaldamento, pari a 7 kWh/m2 all’anno. (Giuseppe La Franca).

 

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

RCI – progettare rinnovabili riscaldamento climatizzazione idronica © 2017 Tutti i diritti riservati